• 400PLANETA
  • TURKMENISTAN ENG
  • VPF
  • TURKMENISTAN RUS
  • 400ROMEBUSINESSSCHOOL
  • HR
  • LUISS
  • VPA
  • 400 NEW GOLF

Glossario POLO

 

Arbitri: detti anche Umpires. Sono due arbitri a cavallo che hanno il compito di regolamentare il gioco e seguire il suo sviluppo in campo. In genere vestono una maglia a righe bianche e nere.

 

Banderieros: in italiano, sbandieratori. Si posizionano dietro le porte per segnalare il goal.

 

Campo: le misure massime di un campo da polo sono 275 x 180 metri. Le porte sono segnate da due pali posti ognuno ad una distanza di 7,28 metri.

 

Cavalli: i migliori sono argentini. Le loro caratteristiche principali sono velocità, resistenza, capacità di accelerare, girare, ecc. in maniera repentina. Molto spesso il cavallo nel polo viene chiamato pony.

 

Chukker (o chukka): E' il periodo di gioco in cui viene divisa una partita. In Italia una partita ha la durata di quattro chukker, ma in alcuni Paese la durata di una partita varia da quattro a otto chukker. In Argentina invece le partite più importanti si giocano sulla distanza di otto chukker. Ogni chukker ha la durata di 7 minuti effettivi.

Coda (colpo): in inglese tailshot. E’ il colpo dietro o sotto la coda del cavallo.

Colpi: i colpi principali sono avanti a destra (swing), avanti a sinistra (revers), indietro a destra (back), indietro a sinistra (back revers), sottocollo (neckshot) e di coda (tailshot).

 

Corner: è una penalità simile al calcio d’angolo.

 

Goal: quando la palla entra in porta si parla di goal. Ad ogni goal le porte si invertono, cioè si invertono le aree da difendere. Questo perché le squadre abbiano pari condizioni di vento, manto erboso e luce.

 

Groom: in spagnolo petisero. E' il personaggio chiave di ogni buon giocatore di Polo, colui che allena ed accudisce i cavalli. I più quotati sono quelli argentini.

 

Handicap: l'unità di misura che indica l'abilità di un giocatore, valutato attraverso una scala che va da -2 a 10. Possedere un handicap 10 significa essere dei veri campioni, dato che solamente una decina di giocatori al mondo possono vantare un simile livello. La somma degli handicap dei quattro giocatori costituisce l'handicap della squadra. Qualora due squadre si incontrino in una partita ad handicap, la quadra più debole viene agevolata con alcuni goal di vantaggio, secondo i parametri di una tabella internazionale.

 

Intervallo: tra un chukker e l’altro è generalmente di tre minuti e, a metà partita, di cinque minuti.

 

Knock-in: in spagnolo, salida. E’ la rimessa dal fondo. Quando la palla finisce oltre la linea di fondo dopo un’azione, il gioco riprende da dove la palla è uscita.

 

Linee di fondo: sono le linee che delimitano il campo da polo.

 

Polo manager: colui che gestisce e organizza tutta la parte sportiva di un club di polo.

 

Mazza: taco in spagnolo, mallet in inglese. Stecca di bambù con all’estremità un cilindro in legno duro col quale si colpisce la palla. È di diverse lunghezze, in modo da potersi adattare all’altezza del cavallo.

 

Nearside: rovescio in italiano, reves in spagnolo, coincide con il lato sinistro del cavallo.

 

Neckshot: il colpo alla palla sotto il collo del cavallo.

Offside: in spagnolo, derecho; è il lato destro del cavallo.

Open: è un torneo aperto che non tiene conto delle differenze di handicap.

 

Penalty: è la punizione conseguente ad un fallo dell'avversario. Esistono tre tipi principali di penalty: da 30, da 40 e da 60 yard. E' inoltre previsto il penalty goal, quando un fallo molto pericoloso avviene nei pressi della porta. A quel punto, la squadra che lo subisce, beneficia di un goal.

 

Palla: solitamente è di plastica bianca del diametro di 9 centimetri, ma può essere anche di legno o, per giocare sulla neve, di plastica rossa.

 

Patron: capitano della squadra.

 

Referee: è il giudice arbitro di una partita di Polo. A differenza degli umpires, osserva la partita da una torretta posta lateralmente rispetto al centro del campo di gara ed interviene in caso di disaccordo fra gli arbitri in campo. Controlla inoltre l'operato dei cronometristi e dei segnapunti.

Ride Off: è la base della manovra difensiva; consiste nell'affiancare il giocatore che ha la palla e spingerlo lateralmente per fargli perdere il colpo e quindi l'iniziativa del gioco.

 

Ruolo: ogni cavaliere ha un ruolo. Il numero 1 è l’attaccante più avanzato. Il numero 2 ha il compito delle intercettazioni a metà campo. Il numero 3 è il regista, il giocatore più abile della squadra. Il numero 4 è il difensore.

 

Sigaro: in spagnolo cigarro. È la punta della mazza, del taco.

 

Steccare: in spagnolo travar. E’ l’azione di contrasto di un giocatore che, utilizza in genere la propria stecca, ferma l’ avversario quando sta per colpire la palla.

Tablas: in inglese sideboards. Sono assi di circa 30 cm poste sulla fasce laterali del campo e servono a delimitarlo.

 

Team: è costituito da 4 giocatori.

 

Throw-In: letteralmente "getta dentro", è il gesto con cui l'arbitro fa iniziare il gioco gettando la palla in mezzo agli otto cavalieri schierati. Il throw-in viene effettuato all'inizio di ogni partita e ad ogni ripresa del gioco, dopo le interruzioni e ogni qualvolta la palla finisce fuori dal campo.

 

Time-out: è la sospensione della partita a causa di un incidente. Non è necessario per sostituire un cavallo o una mazza rotta, perché si tratta di operazioni consentite durante lo svolgimento della partita.

 

Treading-in: il ripristino del campo nell’intervallo da parte degli spettatori, che schiacciano le zolle sollevate dal passaggio dei cavalli.